Sheepvertising

24 aprile 2009

Il marketing non convenzionale ci ha abituati a supporti pubblicitari davvero particolari. Tutto può trasformarsi in un mezzo per comunicare.

A conferma di ciò:

Nel Regno Unito la DLKW ha realizzato la prima “Lambient Media Campaign” per promuovere thetrainline.com, un sito di prenotazione viaggi online.

Un gregge di 30 pecore si è trasformato nel supporto per lanciare la nuova campagna del sito web (un risparmio del 43% per chi acquista il biglietto online). In una zona ben visibile, lungo la linea Gatwick Airport- Reading sono state collocate le pecore brandizzate.

Come affermato dallo stesso direttore marketing del thetrainline.com, la scelta è ricaduta sulle pecore perchè sono una costante nella pubblicità inglese. Inoltre nel Regno Unito i greggi di pecore ,nei campi adiacenti ai binari, sono una frequenti. Le pecore sono un elemento ricorrente per chi osserva il panorama dal finestrino di un treno.

“Mi auguro solo che le mie pecore non diventino delle dive” è l’ironica battuta dell’allevatore.

Si è trattato di un’operazione a costi quasi nulli. Davvero un’idea semplice che favorisce la diffusione del brand.

trainline_sheep_traintrainline-sheep

Per chi fosse incuriosito è stato realizzato un video con relative interviste al direttore marketing e all’allevatore.

Ecco lo spot tv che è stato trasmesso per la stessa campagna:

L’utilizzo degli ovini non è un assoluta novità, almeno non nel Regno Unito. Nei Paesi Bassi questi simpatici ovini sono stati usati per la promozione della Hotels.nl, società olandese di prenotazioni alberghiere on line.

sheep

Non poteva assolutamente mancare questa spettacolare performance realizzata per Samsung sulle colline del Galles. Vero o no, il video rimane comunque sorprendente 🙂

Fonte: trendhunter


Gatto Puzzo in azione

24 aprile 2009

Si parla nuovamente di lui e del suo “amore di guerrilla”.

Solita e-mail. Questa volta l’oggetto è “in action”. L’allegato è una foto che lo ritrae, appunto, in azione.

Ma nessun indizio in più.

Non resta che attendere…

img_3510

Fonti: DR_WHOAnna Torcoretti