Non essere complice, denuncia!

7 maggio 2009

Spesso è dal sociale che provengo le azioni di guerriglia più forti e d’impatto. A volte, per comunicare un importante messaggio, si osa fino al limite del turbamento emotivo.

Dal 2007 al 2008 le violenze domestiche in Portogallo hanno subito un preoccupante aumento. Amnesty International ha attuato una campagna  per denunciare tutto ciò.

L’omertà e il silenzio frequentemente sono i complici di questi episodi di brutalità. L’invito che l’associazione fa è denunciare i carnefici, denunciare chi compie questi gesti disumani.

Si affida alla McCann Erickson per comunicare questo messaggio.

L’agenzia decide di attuare un’azione davvero scioccante: nei bagni dei locali di Lisbona riempie i dispenser di un sapone dal colore e dalla consistenza del tutto simili al sangue.

All’iniziale terrore susseguiva la consapevolezza quando si leggeva questo:

3503838116_55b7961555

amnesty1

Fonte: adsoftheworld

Annunci