Avete ancora sete?

17 luglio 2009

Ieri mostravo una campagna realizzata dall’UNICEF volta ad attirare l’attenzione sul problema delle acque inquinate nei paesi sottosviluppati.

Sulla stessa tematica e nella stessa (o almeno simile per l’elemento utilizzato) modalità è stata realizzata questa che vi presento oggi ad opera dell’agenzia Sullivan Higdon & Sink di Kansas City per l’organizzazione WaterPartners.

Si tratta di una campagna virale nella quale si pubblicizza L’Desh Fresh, una bottiglietta di acqua sporca.

Il video è accompagnato da un sito web e da una pagina su facebook, il tutto ovviamente creato ad hoc.

Fonte: Viralmente


Unicef: Dirty Water

16 luglio 2009

Ogni giorno migliaia di bambini muoiono o si ammalano a causa del consumo di acqua inquinata.

Tap Project è un progetto dell ‘UNICEF che si pone l’obiettivo di raccogliere fondi da destinare ai paesi sottosviluppati.

All’interno di questo progetto, per la campagna Dirty Water, l’agenzia Casanova Pendrill ha posizionato per le strate di New York alcuni distributore di acqua sporca. Acquistabili a $ 1, potevano essere scelti 8 tipologie di acqua corrispondenti a malattie contraibili consumando acqua non potabile.screen-capture11-600x671

Fonte: Directdaily


Gabriela: Segnala un abuso

10 luglio 2009

GABRIELA è un movimento che lotta contro tutte le forme di oppressioni, abusi e violenze subite dalle donne filippine.

Le campagne messe in atto per richiamare l’attenzione su questa terribile situazione sono tutte di grande effetto.

Realizzata dall’agenzia DM9JaymesSyfu di Manila questa è l’ultima:

Hands-ambient-marketing-abuse-2_m

Neck-ambient-marketing-abuse-3_m

Legs-ambient-marketing-abuse-1_m

Non di meno in termini di impatto emotivo sono le precedenti.

Immagine1

19451_Help_Her_1

Fonti: Viralmente e Quietglover


Il manifesto per le donazioni

8 luglio 2009

Per salvare una vita basta poco.

Questo è il messaggio che l’organizzazione Misereor ha voluto comunicare con questa operazione realizzata dall’agenzia Kolle Rebbe di Amburgo. L’organizzazione lotta contro la fame e le malattie in tutto il mondo. Attraverso questa campagna cerca di incoraggiare le donazioni destinate ad acquistare vaccini per bambini dell’America Latina, dell’Asia e dell’Africa.

La caratteristica di questo cartellone sta nel fatto che è possibile all’istante donare. Inserendo le monete nel cilindro-siringa di plastica si contribuisce alla salvezza di un bambino.

misereor

Fonte: Directdaily


Greenpeace e l’icerberg sulla Senna

7 luglio 2009

Greenpeace colpisce ancora. Tema dell’azione: il riscaldamento globale.

Questa mattina di fronte alla Torre Eiffel, sulla Senna, è stato istallato un iceberg gonfiabile di 16 metri di altezza.

L’appello degli attivisti rivolto ai leader mondiali che si riuniranno per il G8 è questo: «Chiediamo ai governanti di inserire negli accordi che firmeranno al L’Aquila obiettivi vincolanti di riduzione nell’emissione di gas serra».

iceberg2

Fonte: MarketingAlternatif


E’ questa la bellezza oggi?

2 luglio 2009

Che cosa è bello? Il concetto di bellezza è qualcosa di mutabile. Il corpo ideale è un canone dettato dalla società e dall’epoca in cui si vive.

Purtroppo, oggi bello è troppo spesso sinonimo di magro. E’ facile quindi intuire come l’anoressia sia una delle malattie più diffuse tra i giovani. I disturbi alimentari non vengono mai considerati una problematica grave, sono frequentemente sottovalutati senza dargli la giusta importanza. L’anoressia è una malattia che può portare alla morte.

Per dare una forte scossa e stimolare la riflessione l’ANAD (National Association of Anorexia Nervosa and Associated Disorders) con la  collaborazione dell’agenzia Ogilvy di Francoforte, ha sostituito all’interno di un museo delle famose opere d’arte  con alcune copie. Nella nuova versione le protagoniste mostrano quali sono le conseguenze di questa terribile malattia.

Immagine1
Immagine3
Immagine2

Fonte: Directdaily


Basta poco…dai il tuo contributo

18 giugno 2009

Quando si dice piccolo budget ma grandi idee.

E’ proprio così per l’azione realizzata in Brasile dalla Zoopropaganda per SOSrainforests.com.

Negli uffici e nelle scuole sono stati collocati degli adesivi “sensibilizzanti” sugli interruttori della luce. Lo scopo è dimostrare che basta un semplice gesto per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente. Un solo click per diminuire gli effetti del riscaldamento globale.

Il messaggio:  “Would you like to save energy and help to decrease the effects of global warming?”

Fonte: Scaryideas


Quest’estate non farlo, non abbandonarlo…

12 giugno 2009

Voluti, desiderati e poi crudelmente abbandonati. Sono gli animali domestici che durante l’estate con il sopraggiungere delle vacanze dall’essere “amico dell’uomo” diventano solo un fastidio, una presenza scomoda della quale bisogna disfarsi. Purtroppo la soluzione più diffusa è quella di abbandonarli destinandoli ad una morte sicura.

Ogni anno sono molteplici le campagne di sensibilizzazione rivolte a questa brutale ma consueta abitudine. Cosa può essere più spiazzante e d’impatto di un’azione di guerriglia?

Ed è proprio in questo modo che l’associazione Dierz ha deciso di attirare l’attenzione invadendo la città di Amsterdam con centinaia di sagome di cartone che rappresentano un cane ed abbandonandole ovunque. Il collare riporta un messaggio che indirizza al sito web da cui sono reperibili informazioni e consigli per evitare che questo possa accadere di nuovo.

It's holiday time for pets

It's holiday time for pets

Fonte: Osocio


Anche una cannuccia può salvare la vita

6 giugno 2009

La cannuccia è indubbiamente un banalissimo oggetto. Ma, cosa ci insegna il marketing non convenzionale? Qualsiasi cosa, anche la più semplice, con un pizzico di creatività ed ingegno può veicolare ogni tipo di messaggio. Alcune campagne del passato, che hanno utilizzato cannucce di grandi o piccole dimensioni, l’hanno abbondantemente dimostrato (qui e qui).

L’ultima operazione ci proviene dal Portogallo. Il Ministero della Salute ha scelto di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle malattie coronariche attraverso una campagna ideata dall’agenzia Fischer.

In moltissimi fast food, le consuete cannucce sono state sostituite con altre di colore rosso, del tutto normali a prima vista, ma in realtà inutilizzabili. Il passaggio dei liquidi è stato, infatti, appositamente ostruito per attirare l’attenzione di chi era intento a farne uso. L’obiettivo era simulare ciò che accade quando l’alto tasso di colesterolo ostruisce le arterie.

Sicuramente chi ha letto il messaggio riportato sulle cannucce “Il colesterolo alto nel sangue fa lo stesso con le tue arterie. Stai attento a quello che mangi. Ministero della Salute.” avrà capito che una corretta alimentazione è la base per una vita sana e longeva.

strawguerillaaction

Fonte: Osocio



Carne umana in vendita

3 giugno 2009

“If you pay a prostitute, you’re financing human trading”.

E’ il claim che firma questa campagna shock realizzata dalla Publicis Mikado e commissionata dal governo del Lussemburgo.

Come si può vedere dalle immagini, sono state collocate queste confezioni di “carne umana” nel reparto macelleria di alcuni supermercati. I dati parlano da soli, ogni anno sono oltre due milioni le vittime della tratta di esseri umani, di cui il 92% sfruttate per fini sessuali. Le prostitute sono considerate merce che alimenta l’industria del sesso e chiunque si troverà davanti queste confezioni non potrà fare a meno di riflettere su questa problematica.

Immagine111

Immagin22e2

Fonte: Adsoftheworld